fbpx

riflessioni dal periodo Covid


Nel mio recente lavoro ho ampiamente messo in discussione l’idea di dividere lo spazio rappresentato sulla tela da quello della fruizione così, in questo periodo di quarantena, di apparente sospensione temporale, mi sono interrogata sul ruolo della relazione fisica tra spettatore e opera. Le domande che si affacciavano sul mondo, nelle mie personali del 2008, Question, sono diventati dialoghi che mettono in relazione il pubblico con l’opera e con lo spazio proponendo un’esplosione di necessità tattili. Toccare, sentire, abbracciare, accarezzare tutte azioni ora negate e mai così tanto volute dall’umanità. Ecco che l’arte arriva a gridare al mondo questa necessità che lega passato e futuro.

Categorie

Articoli recenti

Ti potrebbero interessare…

  • Rotte in Libertà – Barcola

    Ospitata dalla Società Velica Barcola e Grignano dal 24 maggio al 9 giugno 2024, Rotte in Libertà torna a Trieste

  • Cantù a vele spiegate con la mostra “Onde di Luce”

    Per la prima volta una manifestazione nautica a Cantù. Fino al 28 aprile Villa Calvi ospita artisti e designer del settore

  • Onde di luce

    Onde di luce, mostra di arte visiva e design nautico Cantù con il patrocinio di Regione Lombardia

  • Mostra sulla nautica

    Domani apre “Onde di luce” a Cantù, la mostra sulla nautica. Carlo Borlenghi – Carlo Boghi – Mauro Cozza – Ester Maria Negretti Fondazione Officine dell’Acqua – La Permanente Mobili

  • S.Bernardo

    L’azienda Acque minerali S.Bernardo con Negretti per descrivere il legame con il territorio del Lago di Como

  • LAKE SENSATION

    Un’esclusiva collezione di foulard realizzati in seta per indossare e vivere l’Arte

× Ciao! Come posso aiutarti?