02Q

Titolo del quadro

Testo descrizione opera,

ispirazione,

poetica

io sono qui

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Mauris tempus nisl vitae magna pulvinar laoreet.

Codice

A 23-271

Anno

1978

Misura

150x80

Tecnica

Mista su tela un po' di tutto quello che ho trovato in giro

arte & mare LUXURY

arte, mare, vele, felicità!

Immergiamoci nelle opere di Ester Maria Negretti, in cui la luce intensa del mare e delle regate veliche sono impresse sulle tele. L’ultima conquista del percorso personale dell’artista è il blu con le sue variazioni, che conferisce un arricchimento alla tavolozza delle emozioni in una nuova sperimentazione nel suo “viaggio artistico” a vela.

Avvicinandoci alle opere si può notare una moltitudine di materiali stratificati che lasciano intuire un’ispirazione al lavoro di Rotella con i suoi strappi dei manifesti pubblicitari ma solo perché Negretti, in quelle strane forme che sventolano dai muri cittadini, vede il dinamismo delle barche a vela, del mare e del vento che evidenzia attraverso il segno pittorico.

In questo ciclo di lavori realizzato per la mostra Blu Magic, un particolare fondamentale è dato dal modo in cui l’artista rappresenta il mare. Il mare, che è visto come acqua blu ma è anche sabbia, vento, suoni, silenzi, mille colori, luci e profumi. Le sue sono sensazioni d’acqua, dipinte con luce e colore e persino con pennellate di sabbia.

Fuori dalle pareti dello studio di pittura, gli ampi spazi, la vastità fisica e mentale della nuova realtà marina, trasformano le tele di Negretti che diventano gigantesche come il mare e come l’aria che non ha contenimento. Una tela di cinque metri sprigiona l’energia delle regate veliche e richiama la vastità del mare: l’immagine che si presenta ai nostri occhi è immediata, ma stuzzica l’osservatore a creare qualcosa di personale. E’ un invito ad entrare, non solo nelle opere, ma anche ad approfondire, a scavare e scoprire, perché  “l’essenza è invisibile agli occhi”.

E’ il mare delle libertà che ognuno di noi è chiamato a vivere come il velista, seppur fuori dall’acqua