IMPRONTE

Le impronte potrebbero essere paragonate ad una serie di ritratti di persone che appartengono alla sfera dell’artista, impronte – di persone che ti hanno toccato e di altre che hai toccato tu nel corpo e nell’anima – come un sigillo fatto di segni, graffi, solchi. È in questo dialogo fra passato e presente che le impronte perdono la propria immagine riconducibile al reale per cercare la vera Essenza, come un ritratto che si destruttura in favore di un’indagine introspettiva più profonda, unica, intima, vera.
Ogni impronta è quindi un invito a riscoprire volta per volta la singola essenza celata sotto strati di incomprensioni e maschere, un invito a non fermarsi alla realtà materiale, fenomenica, di ogni persona, di ogni evento della vita e di ogni cosa, ma ad avventurarsi più giù, più in fondo, più sotto… ad avvicinarsi il più possibile a quella che è appunto, l’Essenza.

836 2010 Essenza8 30x30

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *