La terribile malinconia dei “paesaggi rifiutati” di Ester Negretti