MOSTRA PERSONALE “ASTRATTISMO MATERICO” • 30 GEN 2016 • VARESE

“Possiamo conversare tutta una vita senza fare altro che ripetere indefinitamente il vuoto di un minuto, mentre il cammino del pensiero nel lavoro solitario della creazione artistica avviene nel senso della profondità, la sola direzione che non ci sia preclusa, in cui possiamo progredire, con più fatica, è vero, verso un risultato di verità”, si legge in Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust.

Il valore dell’opera d’arte quale mezzo per raggiungere la verità.
La scoperta del mondo, l’intreccio di vite diverse, la consapevolezza della propria esistenza.

Ester Maria Negretti guarda la realtà intorno a sé, ne coglie le forme, i colori, gli odori.
Raccoglie con gli occhi l’immagine dell’ambiente naturale, conservandone memoria nella sua mente, poi aggiunge elementi prelevati in quel luogo e ricompone il tutto attraverso la sua arte creando una visione inedita.
Abile nel disegno e nella pittura, l’artista di Como si è misurata a lungo con il figurativo ma, l’estro e il carattere vulcanico che la caratterizzano hanno portato Ester a sperimentare in più direzioni raggiungendo risultati sempre più alti.
Alla concretezza di quanto esiste si sostituisce l’astrazione prodotta dal pensiero e dal sentimento dell’artista che mostra una grande sensibilità.
Non più il dato reale, frutto di una visione oggettiva ma, la sua rielaborazione attraverso la pittura il gesto e la materia.
Fortemente coinvolta dalla sua opera, Ester dialoga con la tela, imprime con pennelli o spatole il colore – mescolato a volte con sabbie, sassi – che prende vita ed oltrepassa il piano di supporto creando un suggestivo effetto tridimensionale.
Uno sguardo alle grandi correnti gestuali del secondo dopoguerra, poi il coraggio di intraprendere una strada assolutamente personale, hanno portato Ester a sviluppare un linguaggio autonomo in continua crescita.
In alcuni suoi quadri si comprende il soggetto dal quale è partita la ricerca, mentre in altri si perde completamente la riconoscibilità del tema; proprio in questi lavori, dove l’astrazione è totale, la lettura del fruitore si sposta sul piano emozionale.
La mano dell’artista, guidata dalla mente e dal cuore, ha prodotto opere che coinvolgono chi le guarda.
Ester Maria Negretti ha aperto un varco nel quale possiamo entrare e “leggere” il suo mondo per scoprire che racchiude una realtà di cui anche noi siamo parte.

Laura Orlandi

1080 2012 Hill 80x100Spazio Lavit

Via Uberti 42,
21100 Varese (VA)
Tel: +39 0332 312801
info@spaziolavit.com

dal martedì al sabato dalle 17.00 alle 19.30
oppure su appuntamento 335 7119659

con il patrocinio di: Comune di Varese,  Provincia di Varese

scarica pieghevole

scarica l’invito