ESTER MARIA NEGRETTI

Dipingo perché già da bambina intuivo che c’era un modo più profondo di stare al mondo.
Circon- data dalle architetture grigie e incombenti di una piccola città di provincia, demolivo e ricostruivo, facendo della materia epidermide, della pittura, ragione di vita.

Ero solo una bambina quando l’arte mi ha salvato.

I paint because as a child I sensed that there was a deeper way of being in the world. Surroun- ded by the looming, grey architecture of a small provincial town, I demolished and reconstructed, using the materials as an epidermis, of painting, a reason for living.

I was only a child when art saved me.

Рисую, потому что уже детстве чувствовала, что это мой способ бытия в мире. Окруженная серой архитектурой угрожающих размеров маленького провинциального городка, я мысленно разрушала и реконструктуировала. Живопись стала смыслом моей жизни.

Я был еще ребенком, когда искусство меня спасло. 

BIOGRAFIA

Ester Maria Negretti, 1978, Como.
E’ il futuro a condizionare il presente come quando Michelangelo creò la Pietà: ogni colpo era in visione del futuro, non del presente né, tantomeno, del passato.

Segue la vocazione alla pittura fin da bambina ricevendo il primo premio all’età di undici anni. Il cammino verso l’arte prosegue attraversolo studio del disegno tessile in cui si diploma al Setificio di Como, per poi collaborare con diversi studi creando carte da parati, arredamento e abbigliamento. Successivamente Negretti decide di frequentare Brera per due anni ma, anziché continuare un percorso accademico, sente di voler seguire la buona tradizione rinascimentale e forma la sua tecnica pittorica nella “bottega” di pittori esperti apprendendo sul campo i segreti del mestiere, consolidando la sua preparazione e il sempre maggiore interesse per l’arte
contemporanea. Affinato il suo gusto, decide così di consacrarsi esclusivamente alla pittura. Il suo lavoro, il suo stile e la sua tecnica molto personale ricevono approvazione e interesse crescente da critica e pubblico e il favore di collezionisti sin dalla prima mostra personale del 2002.
Ha esposto in numerose città tra cui: Roma, Firenze, Milano, Como, Benevento, Mantova, Genova, Venezia, Oslo, Parigi, Boston, Lugano,
Zurigo, San Vincenzo, Isola d’Elba.

L’ultima ricerca artistica di Ester Maria Negretti è dedicata all’acqua. Fuori dalle pareti dello studio di pittura, gli ampi spazi, la vastità fisica
e mentale della nuova realtà marina, trasformano le tele di Negretti che diventano gigantesche come il mare e come l’aria che non ha
contenimento.

Ester Maria Negretti, 1978 Como.
It is the future that conditions the present, as when Michelangelo created the Pietà: every stroke was in the vision of the future, not of the presentnor of the past.

She follows the vocation of painting since she was a child, receiving her first prize at the age of eleven. The journey towards art continues through the study of textile design, in which she graduates at “Setificio di Como”. Afterwards she collaborated with several design studios creating wallpapers, furniture and clothing. Then, Negretti decides to attend Brera for two years; but instead of carrying on an academic path, she feels the desire to follow the good Renaissance tradition: Negretti forms her painting technique in the “studio” of expert painters learning on the field the trade secrets, thus strengthening a solid preparation and a growing interest in contemporary art. Having refined her taste, she decides to devote herself exclusively to painting. Her work, her style and her very personal technique receive approval and growing interest from critics and audiences, and the favour of collectors since the first solo exhibition in 2002.
She has brought her artworks to many cities, just to mention a few: Roma, Florence, Milan, Como, Benevento, Mantua, Genoa, Venice, Oslo, Paris, Boston, Lugano, Zurich, San Vincenzo, Isola d’Elba.

The last artistic research of Ester Maria Negretti is dedicated to water. Outside the walls of the atelier, the wide spaces, the physical and mental vastness of the new marine reality, transform Negretti’s artworks. Canvases become gigantic as the sea and the air which knows no restraint.

MOSTRE PERSONALI, selezione  /  SOLO EXHIBITIONS, selection

2018
• “Blu Magic”, Yacht Club Marina di San Vincenzo,
San Vincenzo (Livorno)
2017
• Ester Maria Negretti, Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, Lugano
2016
•”Michelangelo nostro contemporaneo”, a cura di Roberto Borghi, palazzo Sole 24 Ore, Milano
• “Astrattismo Materico”, a cura di Laura Orlandi, Spazio Lavit, Varese
2015
• WAY4, Torre delle Arti, Bellagio (Como)
• Ester Maria Negretti, Herman Miller, Milano
2014
• “Dialogo Figurativo-Astratto”, Galleira Lazzaro by Corsi, Milano
2013
• Casa Brenna Tosatto, Lenno-Lago di Como
• Galerie Lisette Alibert, Paris, France
• Galerie du Châtel, Yèvre-le-Châtel, France
• Studio Verticale, Boston, USA
• “Ester Maria Negretti” catalogo pubblicato da Editoriale Giorgio Mondadori, edizione italiana, inglese e russa
2012
• “Paesaggi Primordiali”, a cura di Nicla Callegari, Vertemate con Minoprio (Como)
2011
“Essenza e Materia”, a cura di Francesco Mantero, catalogo , Palazzo del Broletto, Como
“EssenzE”, sala delle Grasce, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Pietrasanta, Pietrasanta (Lucca)
2010
• “Landscape”, catalogo Cortina Arte Edizioni, Galleria Cortina, Milano
2009
• “La solitudine delle orme”, a cura di Pino Bonanno, Marsciano (Perugia)
2008
• “Morte e rinascita della materia”, Palazzo Pretorio, Sondrio
2007
• “Ester Negretti”, catalogo Bocca, Libreria Bocca, Milano

MOSTRE COLLETTIVE, selezione  /  EXHIBITIONS, selection

2018
• Salone Internazionale del Mobile – opere in esposizione presso lo stand di Gianfranco Ferrè Home Collection, Rho Fiera, Milano
• “#Urbanart”, partecipazione come socio del Museo della Permanente, Milano
2017
• ArtePadova 2017, Quartiere Fieristico, Padova
2016
• “THE LAST LAST SUPPER_ Leonardo e la visione ritrovata”,a cura di Antonio D’Avossa, Rho (Milano)
2015
• Punto sul Rosso, Spazio Lavit, Varese
• The Italian Sea Group, Marina di Carrara
• Vuoti a perdere_Movimento Discaricart, Museo Galata, Genova
• Ricollocazioni Materiche, Orticolario, Villa Erba di Cernobbio (Como)
2014
• Arte Fiera Bergamo
• Artfair International Zurich – Svizzera
• Hommage an Michelangelo, Frankfurter westend Galerie, Francoforte – Germania
• Rotta a NordEst a cura di Giammarco Puntelli, Centro Culturale Pescheria Nuova, Rovigo
• Quadrilegio, organizzata dalla città di Parma, Galleria BLL di Giulio Belletti, Parma
• “Iside Contemporanea” a cura di Ferdianando Creta, Museo Arcos, Benevento
• Biennale d’arte contemporanea, Salerno
2013
• Artfair International Zurich – Svizzera
• Reverberi Arte, Lugano – Svizzera
2012
• Simposium di pittura, Austevoll, Norvegia
• Galerie du Châtel, Yèvre-le-Châtel, France
• “Undici allunaggi possibili”, a cura di Martina Cavallarin, Cà Zenobio, Venezia
• “Energheia” Miniartextil, a cura di Luciano Caramel, Galerie Lisette Alibert, Parigi e Museo di Palazzo Mocenigo, Venezia
• “Acquisizioni” a cura di Claudio Rizzi, catalogo Publi Paolini, Museo Parisi-Valle, Maccagno (Varese)
• “Le quattro stagioni”, Galleria Ponte Rosso, Milano
• “Combat Prize”, finalista, Museo G. Fattori, Livorno
• 53°Premio Internazionale Bice Bugatti – Giovanni Segantini,premiata, Nova Milanese (Milano)
• “Premio Michelangelo Merisi – Il Caravaggio” primo premio, Caravaggio (Bergamo)
2011
• “Punto e a Capo”, Galleria Lazzaro by Corsi, Milano
• “Il lago”- Galleria MAG, Museo della Scienza e della Tecnologia, Milano
• “Energheia” Miniartextil, a cura di Luciano Caramel, catalogo arte&arte, ex chiesa di San Francesco -Fondazione Ratti, Como
• “DumpingArt” (progetto nell’ambito del Festival della Scienza), Palazzo Ducale e Palazzo Doria Spinola, Genova.
• “Aria d’Italia”, Galleria Ponte Rosso, Milano
2010
• “Duemiladieci, Artisti della Permanente”, Catalogo Silvia Editrice, Museo La Permanente, Milano
• “Discaricart”, Museo Navale di Genova Pegli
• “Premio Brambati”, primo premio, Castiglione d’Adda (Lodi)
2009
• “Ecomondo” Rimini
• “Tra astratto e informale” selezione di Artisti del Museo la Permanente di Milano, a cura del Prof. Alberto Veca, Gravedona (Como)
2008
• Circuito nazionele MUSAE (Museo Urbano Sperimentale d’Arte Emergente)
• invitata al Premio “La Fenice et des Artstes”, Venezia-Trieste
• Premio Agazzi, 1° premio, Presezzo, Bergamo
• Finalista “Premio Segrete di Bocca”, Libreria Bocca, Milano
2007
• Progetto “Artefatto-nuove strade”, Trieste
• Festival delle Arti di Bologna
• Mostra collettiva Forte dei Marmi (Lucca), in collaborazione con la Galleria Lazzaro
2006
• “Carlo dalla Zorza”, premiata, catalogo Galleria Ponte Rosso, Milano
2005
• Finalista al Premio Arte Mondatori, Esposizione al Museo la Permanente, Milano